Mosaico fiorentino all’interno

Decorare i locali con mosaici fiorentini permette di dare vita alle soluzioni più insolite. Questa è una decorazione elegante della stanza, grazie al materiale diventa unica.

Storia

Commesso è il secondo nome del mosaico fiorentino. È una tecnica pittorica con pezzi sottili di pietre semipreziose dai colori vivaci sviluppata a Firenze alla fine del XVI secolo. Il più comune le pietre per la sua produzione sono agata, quarzo, calcedonio, diaspro, granito, porfido, lapislazzuli. I design Commesso per i controsoffitti e i piccoli pannelli a parete spaziano dai colori simbolici ai paesaggi. Il lavoro è svolto con cura maniacale e sensibilità per l’oggetto d’arte.

La prima copia documentata di questa tecnica apparve alla fine del XIV secolo a Firenze, fu con il Duca dei Medici. Nel XVI secolo Francesco I assunse diversi rinomati pittori italiani per creare il pannello. L’arte iniziò a svilupparsi rapidamente. Nel 1588 il successore di Francesco, Ferdinando I, istituì l’Opificio delle Pietre Dure come sede permanente di corsi di perfezionamento. Il primo gruppo di artisti assunti perfezionò l’arte di Commesso da una prospettiva altamente illusoria. La bottega esisteva nel XVII secolo. Produceva decorazioni per cappelle funerarie di famiglia..

All’inizio del XVIII secolo, il lavoro di assemblaggio di piccole parti era richiesto in tutta Europa. Gli artigiani fiorentini decoravano le sale delle corti europee. Il laboratorio ha continuato a funzionare grazie al sostegno di un istituto statale nel XX secolo. Ha creato opere di alta qualità tecnica e artistica negli anni ’20.

L’arte musiva fiorentina è una delle convenzioni artistiche fiorite a Firenze durante il Rinascimento. La sua storia è ricca di una ricca tradizione di un ambiente innovativo: architettura, design, pittura, scultura. Il capoluogo della regione, la Toscana, divenne nota come la Culla del Rinascimento. È considerata la città più significativa in termini di influenza sul Rinascimento italiano..

L’età d’oro dell’arte fiorentina inizia a cavallo del secondo millennio. Firenze è stata determinante nella realizzazione degli ideali del Rinascimento in tutto il mondo grazie ai suoi numerosi artisti di talento. Ha finanziato e incoraggiato molti artigiani, facendo emergere i loro talenti..

Materiali (modifica)

Inizialmente, per creare il mosaico venivano utilizzate solo pietre preziose e semipreziose. Con lo sviluppo dell’artigianato, gli artigiani hanno aggiunto materiali artificiali popolari e durevoli. Il mosaico di pietra è durevole, la vernice brillante naturale non sbiadisce se esposta alla luce solare. La pietra naturale mantiene la saturazione del colore. Una transizione graduale di sfumature sul materiale aiuta il maestro a completare una composizione simile al dipinto originale.

Caso d’uso classico: sfondo di marmo scuro combinato con diaspro, ametista, turchese creerà il contrasto desiderato. Gli elementi diventano più luminosi sul piano nero. Le tracce sulle pietre (tratti, striature, macchie) sono alla base di questa tecnica. Il segreto dei maestri nel cambiare l’ombra di uno strumento di lavoro è l’effetto della temperatura. Il marmo riscaldato acquisisce una delicata gamma rosa, il calcedonio diventa più luminoso dopo il riscaldamento. Per lavoro vengono selezionati piatti che imitano il fogliame degli alberi con venature, per l’immagine di animali: una pietra con un motivo di villi.

Bicchiere

La superficie in vetro del pannello ha una struttura liscia e coerente. Utilizzato per decorare arti decorative, strutture e mobili.

I mosaici in vetro sono generalmente suddivisi in due sottocategorie: per decorare pareti e soffitti, decorare mobili e accessori. La forma d’arte ha avuto origine nel 1500 durante l’era Nyaunyan. Mosaico di vetro abbinato a pietre preziose e semipreziose.

Ceramica

I dipinti o le decorazioni in ceramica presentano i seguenti vantaggi:

  • forza, durezza;
  • eccellente resistenza all’usura;
  • bassa conduttività termica;
  • resistenza alla corrosione;
  • isolamento elettrico;
  • resistenza chimica;
  • ottima finitura superficiale.

La tecnica fiorentina viene utilizzata più spesso dalla ceramica per creare pannelli su pareti o pavimenti..

Il materiale è lucido e opaco. La superficie dello specchio viene utilizzata per le pareti, si consiglia la posa a pavimento di componenti privi di brillantezza.

La fase finale del mosaico ceramico è la stuccatura. Il suo ruolo è quello di collegare gli elementi.

Peculiarità

Il lavoro svolto dal metodo fiorentino sembra impeccabile. I dettagli creano una finitura liscia. Pezzi di stoffa aderenti nascondono le cuciture. Pietre abrasive, vetro, ceramica fanno brillare la superficie.

Il mosaico fiorentino è caratterizzato da un’abbondanza di colori. I toni del bianco, nero, rosso, smeraldo, marrone, giallo, blu consentono di creare qualsiasi opera d’arte.

I materiali utilizzati per eseguire questa tecnica hanno qualità speciali:

  • Resistenza all’umidità. La resistenza all’acqua impedisce all’acqua di passare attraverso il pannello. Se l’umidità penetra nel prodotto, una normale spugna farà fronte al compito. Non preoccuparti di muffa o corrosione. Questi materiali sono utilizzati per il rivestimento delle piscine, resistono agli effetti dell’elemento acqua.
  • Resistenza al gelo. La resistenza al gelo del mosaico è particolarmente importante per coloro che andranno ad arredare spazi esterni all’aperto. Decorano il portico ei gazebo in stile fiorentino. Il materiale rimarrà intatto sotto l’influenza della neve o del peso dello strato di ghiaccio.

  • Unicità. Non ci sono oggetti identici in natura. Se hai bisogno di copiare una composizione nello stile della tecnica fiorentina, non ci sarà alcuna somiglianza completa. Il secondo disegno del genere non funzionerà.
  • Durata. Pietra, ceramica, vetro conservano per decenni la loro ricchezza di sfumature. Il dipinto, dipinto con vernici, è in fase di restauro, questi materiali durevoli mostreranno il gioco dei colori per tutta la vita utile.

Tuttavia, i lavori eseguiti nello spettacolo fiorentino sono un lavoro lungo e difficile.. Ci vogliono almeno due mesi per creare una tela esclusiva. Le persone con prosperità possono permettersi un tale lusso in casa. Dopotutto, una tale tela non sarà economica..

La decorazione musiva fiorentina è oggi utilizzata nella chiesa, oltre che per decorare oggetti in casa. Pannelli, simili a quadri pittoreschi, adornano le pareti di grandi saloni, uffici, soggiorni.

Produzione

Il maestro fa il lavoro scrupoloso con grande pazienza. Ogni pezzo di materiale è di dimensioni diverse. Viene ritagliato, sagomato, sottoposto a sollecitazioni meccaniche. Viene quindi misurato nuovamente e rielaborato fino a quando non è completamente dimensionato per essere collegato a una parte adiacente. Gli artigiani spesso dedicano ore al lavoro per ottenere un pezzo del “puzzle”.

Il processo di esecuzione della tecnica è diviso in tre fasi:

  • scelta del materiale;
  • collezione di mosaici (avanti o indietro);
  • lucidatura superficiale.

Raccogliendo pietre, vale la pena considerare le proprietà della roccia, poiché ogni minerale ha un carattere ottico. Questi sono porosità, levigatezza, luminosità, saturazione del colore..

Per capire come apparirà il prodotto dopo la lucidatura, il materiale deve essere inumidito con acqua..

Nel 21° secolo, la tecnologia digitale può fare le cose più velocemente. Il raggio laser trasferisce l’immagine dal computer senza inutili errori e lascia il margine necessario ai bordi dell’elemento.

Sugli oggetti preparati, vengono eseguite le marcature e le parti vengono tagliate su una macchina. Lo spessore delle lastre finite raggiunge i 2-3 mm. Le parti vengono rifinite sulla rettificatrice per parti. Il metodo inverso per assemblare un dipinto consiste nel disporre gli elementi a faccia in giù utilizzando gli stampini. La base assemblata è fissata con la colla dal lato seamy. Questo metodo viene utilizzato per lavori di massa. Il tocco finale è levigare la superficie finita.

Il metodo di impostazione diretta dell’immagine è la posa di parti su oggetti (piano del tavolo, cassa, scatola). Artigiani esperti posano i frammenti usando uno strato di fissaggio. Tutti gli elementi disposti sulla superficie sono trattati con pasta lucidante. Lo smalto viene scelto in modo diverso a seconda del materiale di lavoro. La finitura finale mostra lucentezza, giochi di sfumature sulla composizione artistica.

Il mosaico fiorentino all’interno è utilizzato da persone di alto rango. Questo design può essere trovato nella decorazione del bagno, della piscina e degli articoli per la casa, sottolinea la presenza del gusto.

Per maggiori informazioni sui mosaici fiorentini, guarda il prossimo video..