Miscela pietrisco-sabbia: caratteristiche e applicazione

La costruzione di edifici e strade non è completa senza miscele edilizie. Possono essere naturali o artificiali, grandi o piccoli e contenere vari materiali. Oggi siamo interessati alla miscela pietrisco-sabbia, che è di origine naturale e può essere presentata in varie frazioni. Inoltre useremo il nome abbreviato di questa miscela – SHPS.

Cos’è?

L’abbreviazione SCHPS significa una miscela di costruzione, che include sabbia e pietrisco. Non confonderlo con il pietrisco, che è ottenuto da materiali naturali. Si tratta di due diversi materiali da costruzione che non possono sostituirsi completamente a vicenda. Tale miscela si ottiene nel processo di estrazione di granito / calcare, nonché come risultato della loro lavorazione..

Quando si estrae materiale naturale (granito, calcare), vengono rimossi elementi di grandi dimensioni. Il restante materiale fine viene trasportato all’impianto di frantumazione. In tali fabbriche, il materiale viene pulito da sporco e impurità. Il materiale da costruzione viene selezionato e frantumato. Quindi viene passato al setaccio. Il risultato sono diverse varietà della miscela..

Il prodotto finale, in termini di caratteristiche, composizione e frazioni, deve essere conforme agli standard prescritti in GOST.

Frazioni e loro uso

La miscela si ottiene frantumando il minerale. Di conseguenza, le dimensioni dei componenti dell’FSB possono essere diverse. Inoltre, la miscela può contenere quantità variabili di sabbia e ghiaia..

Tutte queste caratteristiche sono molto importanti, determinano le caratteristiche della miscela e il suo scopo..

  • La miscela C1 corrisponde ad una frazione da 0 a 40 mm. Utilizzato per creare cuscini nel campo della costruzione di tessuti per auto. Consente di ottenere una superficie perfetta.
  • C2 è un setaccio da 0-20 mm. L’ambito di utilizzo corrisponde a quello descritto per l’opzione precedente.

  • C3 significa setacciatura frazionata grossolana (0-120 mm). Utilizzato per organizzare uno strato aggiuntivo durante la costruzione di autostrade.
  • C4 e C5 sono le miscele più popolari. Le frazioni sono rispettivamente nell’intervallo 0–80 mm e 0–40 mm. Tali RPS sono utilizzati per rafforzare i bordi delle strade, sono utilizzati nella costruzione di strade, indipendentemente dal loro scopo. Utilizzato anche nel processo di creazione di lastre e pannelli in calcestruzzo.

  • C6 è una miscela di pietrisco e sabbia, con una granulometria massima di 20 mm. Indispensabile quando si creano cuscini per la strada del futuro.
  • C7 è ghiaia da 0 a 10 mm. Utilizzato anche per cuscini d’arredo.
  • C8 è una miscela molto fine ottenuta da pietrisco e grigliati che si formano durante il processo di frantumazione. La frazione più grande è 5 mm. Tale materiale è necessario per organizzare lo strato inferiore della futura strada.

  • C9 indica una pietra (dimensione massima 80 mm), diluita con sabbia. Per la posa di tale materiale, viene selezionato lo strato più basso della strada. Utilizzato anche per la sistemazione dei bordi stradali.
  • C10 è costituito da una pietra di media frazione (fino a 40 mm). Utilizzato nelle prime fasi della costruzione di strade.

Per lo strato superiore viene selezionata una miscela di frazioni fini e il pietrisco grande è rilevante per la posa degli strati inferiori, che sono anche chiamati cuscini. Esistono miscele in cui è presente pietrisco di varie frazioni. Tali materiali sono chiamati granulometria intermittente, consentono di ottenere una compattazione densa delle pietre nel calcestruzzo..

Altre caratteristiche importanti

Non solo la frazione e il rapporto tra il contenuto di pietrisco e sabbia sono caratterizzati da SHPS.

Ci sono una serie di altre caratteristiche che devono essere considerate quando si sceglie un materiale..

  • Le proprietà drenanti sono responsabili della permeabilità all’umidità. Ad esempio, per il cordolo e la disposizione degli strati interni, è necessario scegliere un composto con una buona capacità di carico. Per gli strati principale e aggiuntivo, vengono imposti requisiti speciali sul coefficiente, che riflette la capacità del materiale di passare l’acqua. Questo indicatore differisce a seconda del tipo di copertura:

  • per strade per vari scopi, il coefficiente è 1 m / giorno;
  • gli intercalari con proprietà antigelo, che fanno parte delle basi, richiedono un coefficiente di 0,2 m / giorno;
  • per le fondazioni in costruzione per gli aeroporti, il coefficiente è 7 m / giorno.

  • La plasticità viene presa in considerazione durante la posa della strada e nel processo della sua ulteriore operazione. Durante la posa, la composizione dovrebbe prestarsi bene al livellamento a seguito dell’utilizzo di un metodo meccanizzato o di un’azione manuale. Quando si opera su strada, la miscela deve aderire bene alla base e non strisciare sui lati..
  • La resistenza all’acqua riflette la capacità di una composizione di assorbire l’acqua e rilasciarla. Il criterio principale è la saturazione minima di umidità. L’eccessivo contenuto di umidità nella composizione porterà alla fluidità della base, a una diminuzione dell’indice di adesione, a una perdita di rigidità ea una diminuzione della resistenza..
  • Gli indicatori volumetrici sono costituiti da due parametri: densità apparente e peso volumetrico. Queste informazioni sullo ShchPS consentono di effettuare calcoli relativi al ritiro volumetrico e al peso del materiale che dovrà essere utilizzato per l’intero ambito del lavoro..

Errori frequenti

L’uso del materiale di sabbia frantumata è regolato da una serie di regole e requisiti. Se non vengono soddisfatti, il risultato finale non sarà all’altezza delle aspettative..

Consideriamo gli errori più comuni che devono essere evitati quando si lavora con SCHPS:

  • la posa viene effettuata su terreno fertile, che è anche chiamato zolla;
  • lo scarico avviene su terreno sciolto non preventivamente compattato;
  • la composizione è posata su terreno con un alto grado di umidità;

  • lo spessore del rivestimento non è lo stesso su tutta l’area di lavoro;
  • un piccolo spessore dello strato di pietrisco-sabbia, che non è sufficiente per fornire all’oggetto la forza necessaria;
  • l’assenza di speciali barriere frenanti sulle piste che tratterranno la miscela;
  • il rinforzo con cemento viene eseguito senza compattazione del terrapieno e della base;
  • uso di composizione pietrisco-sabbia con un alto contenuto di argilla, fango e altre impurità.

Se non si commettono tali errori nel processo di utilizzo di ShchBS e si sceglie una miscela della frazione corretta, la base risultante sarà forte, affidabile e duratura.

Vedi sotto per ulteriori dettagli.