Pavimento termoisolato ad acqua: sottigliezze di scelta

Riscaldare il pavimento con acqua è fondamentalmente diverso dal suo riscaldamento elettrico, entrambi i metodi hanno punti di forza e di debolezza. Affinché un pavimento riscaldato ad acqua sia il più efficace possibile, è necessario non solo installare tutti i suoi componenti in un certo ordine, ma anche configurare correttamente il sistema, scegliere una buona caldaia.

Anche il massetto e l’impermeabilizzazione sono fondamentali per il corretto funzionamento di un tale sistema..

Peculiarità

Nella stragrande maggioranza dei casi, il riscaldamento a pavimento è preferibile per i proprietari di abitazioni private, ma non per i proprietari di appartamenti. Funziona bene quando è necessario riscaldare l’intera abitazione nel suo insieme, ma se è necessario riscaldare solo il pavimento in una stanza separata, è più corretto utilizzare l’elettricità. È più facile posare il cavo in un piccolo spazio (fino a 20 metri quadrati) piuttosto che installare i tubi lì, integrandoli con le necessarie apparecchiature di controllo.

È inaccettabile riscaldare il pavimento fornendo acqua dal sistema di riscaldamento centralizzato., in modo che le batterie dei vicini non risultino fredde. Anche se doti il ​​sistema collegandolo a un circuito di riscaldamento separato, dovrai coordinarlo con l’ispezione dell’edificio. Rispetto all’utilizzo di mezzi di riscaldamento a radiatori, il riscaldamento a pavimento consente di riscaldare uniformemente la casa, la distribuzione della temperatura dell’aria è fisiologicamente confortevole.

In entrambi i sistemi di riscaldamento, l’aria intorno al riscaldatore viene principalmente riscaldata. Ma poiché i radiatori sono fonti di calore locali, la temperatura massima viene raggiunta vicino a loro, vicino alle finestre e proprio sui soffitti. C’è da 25 a 40 gradi, e questa è una condizione necessaria affinché il riscaldamento medio nella stanza sia di 20 gradi.

I contorni del riscaldamento a pavimento sono distribuiti uniformemente su tutte le parti della stanza che possono e devono essere riscaldate, quindi il suo utilizzo è molto più economico. Riducendo la temperatura del liquido di raffreddamento di solo 1 grado, riducono il consumo di energia termica mediamente dell’8%, si escludono surriscaldamenti locali e fuoriuscita di calore attraverso le pareti.

Il dispositivo di riscaldamento del radiatore non consente l’uso di automazione che imposta temperature diverse nei singoli ambienti, soprattutto nelle loro parti. Ma l’uso di un pavimento caldo ti consente solo di impostare i tuoi parametri operativi per ciascun circuito. La durata dei pavimenti riscaldati ad acqua (più precisamente, tubi polimerici e metallo-polimero posati nella loro base) è di oltre mezzo secolo.

Tra i motivi per cui il riscaldamento a pavimento ad acqua può fallire è installazione analfabeta, in questo senso, è molto più impegnativo di altri design.

Infine, a causa della lunga lunghezza della tubazione e della sua forma a volte molto complessa, verranno sicuramente utilizzati i servocomandi..

Vantaggi e svantaggi

Gli indubbi vantaggi di un pavimento riscaldato ad acqua non sono solo l’uniformità del riscaldamento dell’aria, ma anche:

  • Pulizia ecologica;
  • Mancanza di rumore;
  • Mantenimento di un buon microclima;
  • Mantenere un contenuto di umidità razionale e fisiologicamente radicato;
  • Eliminazione dell’accumulo di polvere e sporco nell’appartamento;
  • Non c’è bisogno di parti ed elementi ingombranti.

Ma non si può non menzionare gli svantaggi dei pavimenti riscaldati ad acqua. È abbastanza difficile montarli, i materiali di consumo costano molti soldi, che dovranno essere investiti immediatamente. Dovrai installare una caldaia a condensazione o utilizzare un’unità di agitazione, che ridurrà la temperatura del liquido di raffreddamento. Si noti che la tecnologia è andata molto avanti negli ultimi decenni e il riscaldamento a pavimento ad acqua non è assolutamente suscettibile a colpi d’ariete, processi corrosivi. Significativamente meno possibilità di perdite.

Tuttavia, solo un tale design funziona bene, che viene selezionato, installato e configurato in piena conformità con i principi di base della tecnologia di riscaldamento. A volte sono necessari calcoli molto complessi, soprattutto se i contorni sono di forma complessa e hanno molte curve. Quindi, in questi casi, gli specialisti di alto livello dovrebbero progettare e creare il sistema, mentre tu puoi posare il cavo elettrico da solo..

I pavimenti ad acqua calda non aumentano l’umidità nella stanza, ma se la stanza è già caratterizzata da bassa umidità, il riscaldamento prolungato può seccare l’aria. Nel bagno, questo non è rilevante, è anche in una certa misura un vantaggio, ma in altre stanze è necessario ventilare più spesso, mettere piante da interno, acquari o usare umidificatori. ricordati che il riscaldamento a pavimento è dannoso per i mobili in legno naturale e gli strumenti musicali. Dove si trovano tali oggetti, non c’è posto per i circuiti di riscaldamento! Inoltre, non dovresti forare il pavimento in cui sono nascosti i tubi con l’acqua; come ultima risorsa, controlla ogni azione con il layout delle comunicazioni.

Anche l’assenza di radiazioni elettromagnetiche può essere considerata un vantaggio del riscaldamento dell’acqua. Tuttavia, va tenuto presente che i campi elettromagnetici si verificano durante il funzionamento dell’automazione del controllo, delle pompe e di alcuni altri componenti del sistema..

Chiedi sempre se questi dispositivi soddisfano i requisiti e gli standard di sicurezza di base, se dispongono dei certificati e delle licenze necessari..

Il processo di installazione, anche quando si utilizza un massetto o pannelli semisecchi relativamente semplici, è piuttosto laborioso e richiede tempo. Il minimo errore durante l’installazione può comportare gravi conseguenze negative, scoperte, quindi dovrebbe essere affrontato con attenzione. Non tutti i pavimenti sono in grado di sopportare il carico creato da un pavimento riscaldato ad acqua, e questo è un altro motivo per cui non è sempre consigliabile utilizzarlo in un appartamento..

Visualizzazioni

Nella maggior parte dei casi, l’alimentazione dell’acqua al pavimento caldo è regolata automaticamente, il termostato controlla il rispetto dei parametri richiesti. Ma ci sono sistemi in cui non è previsto: vengono quindi utilizzate caldaie che limitano il riscaldamento dell’acqua ad una certa temperatura. Se gli sviluppatori di apparecchiature di riscaldamento non hanno previsto tale modalità, dovrai utilizzare valvola a tre vie, a cui il termostato dà i comandi.

La distinzione tra solai termoisolanti ad acqua viene effettuata anche in base al tipo di prestazione. Il massetto in calcestruzzo richiede calcoli accurati che tengono conto dell’espansione termica; il massetto è progettato per mantenere il calore nella stanza e non gli consente di attraversare i soffitti. Quindi usano un nastro ammortizzatore, una rete d’acciaio e sopra di essa viene versato solo cemento..

La vista piana del pavimento dell’acqua non richiede un massetto, per la posa del pavimento vengono utilizzate preliminarmente lastre di alluminio, nonché cartone o uno strato di schiuma di polietilene. Un riscaldamento di questo tipo è consigliabile dove l’altezza dei locali è bassa, oppure i pavimenti (fondazioni) sono francamente deboli. Caratteristica specifica è la necessità di un isolamento termico rinforzato, rivestito con materassini a base di polistirene. In questi tappetini sono inserite strutture in lamiera di alluminio, che fungono da supporto per i contorni individuali del pavimento caldo. Finisce la copertura del viso.

In molti edifici a pannelli, un pavimento di acqua calda è organizzato utilizzando parti in legno: moduli o doghe. I moduli, o truciolari, sono inizialmente dotati di canali in cui vengono posati i tubi. I pannelli sono fissati alla base ruvida con viti autofilettanti, la distanza tra le quali è di 20 mm. I piatti non sono posizionati uno vicino all’altro, le fessure servono per impilare i blocchi di alluminio, e cartone o polietilene aiuta a prevenire il contatto tra il pannello e la piastra termoconduttiva.

Vengono installati i tubi, quindi viene posizionata la pavimentazione selezionata, ed è qui che finisce il lavoro.

La scelta di un’opzione specifica non è così facile come sembra e devono essere prese in considerazione una serie di caratteristiche di ciascuna di esse. In una casa in legno e pannelli, è inaccettabile utilizzare un massetto di cemento, dovrai utilizzare un pavimento. Lo svantaggio di questa soluzione è la bassa inerzia termica, il decking si raffredda rapidamente. Pavimento ad acqua in polistirene, con una capacità fino a 0,0045 kW per 1 mq. m, può integrare efficacemente il sistema di riscaldamento principale, ma è difficilmente adatto come metodo di riscaldamento principale.

L’indubbio vantaggio della variante concreta (dove può essere utilizzata) è la possibilità di utilizzare tutti i tipi di rivestimenti frontali esistenti, la tecnologia non ha limitazioni. È vero, non tutti sono pronti ad aspettare 48 ore affinché il massetto si asciughi. La conclusione generale è che solo dopo aver analizzato attentamente le caratteristiche di una particolare abitazione, le tue esigenze e capacità finanziarie, altre circostanze, puoi scegliere il giusto tipo di pavimento riscaldato ad acqua.

Tieni sempre presente che è quasi impossibile smontare e rimontare la struttura, quindi, dovresti selezionare molto attentamente i componenti, prestare maggiore attenzione a loro.

Oltre ai componenti puramente meccanici, la sua automazione è di grande importanza pratica nel funzionamento di un pavimento caldo. I dispositivi meccanici sono considerati più affidabili e più semplici, ma sono sempre meno comuni. Semplicemente perché la regolazione manuale e la necessità di monitorare costantemente il funzionamento del dispositivo non sono molto apprezzate dalle persone. Se parti spesso per molto tempo, o semplicemente non vuoi sentirti a disagio in casa durante gli sbalzi di temperatura all’esterno durante il giorno o durante la notte, usa controllo automatico.

Può essere molto diverso nel design: alcuni modelli raccolgono informazioni sul tempo effettivo e cambiano di conseguenza la modalità operativa, altri sono guidati dalle letture dei sensori di temperatura dell’aria o del pavimento. L’opzione più avanzata (ma anche la più costosa) è un dispositivo programmabile..

Con il suo aiuto, puoi regolare in modo flessibile il funzionamento del riscaldamento a pavimento e si riscalderà completamente al momento del tuo ritorno giornaliero, tutto il resto del tempo risparmiando il più possibile l’acqua calda..

Principio di funzionamento

Il riscaldamento a pavimento ad acqua è considerato abbastanza difficile da eseguire, ma risulta essere più facile da usare dopo che l’installazione è stata completata rispetto a quella elettrica. Tecnicamente, tali vantaggi si ottengono facendo circolare liquido caldo sotto lo strato decorativo del pavimento. Può essere non solo acqua, ma anche glicole etilenico, antigelo e alcune altre opzioni. Il proprietario della casa sceglie lui stesso il refrigerante, concentrandosi sulle sue esigenze e sulle capacità di tubi specifici. tuttavia, l’acqua è tradizionalmente usata, grazie alla sua ampia disponibilità e facilità di rifornimento se necessario.

La lunghezza totale dei tubi che compongono il fondo dell’acqua è sempre di decine di metri. Pertanto, la circolazione naturale del liquido di raffreddamento non è sufficiente per un riscaldamento uniforme e di alta qualità su tutta l’area. Per mantenere il liquido di raffreddamento abbastanza caldo, viene riscaldato utilizzando un boiler elettrico o prelevato da un sistema di riscaldamento centralizzato. La seconda opzione è difficile in termini ingegneristici, può essere molto pericolosa se è mal eseguita e richiede numerose approvazioni..

In molti casi, i supervisori degli alloggi vietano completamente l’allacciamento al riscaldamento centralizzato, e quindi non è possibile installare un pavimento termoisolante ad acqua in tutti gli appartamenti.

Comunque sia, l’acqua in entrata è troppo calda: i normali radiatori per ambienti sono abbastanza efficaci solo a una temperatura del liquido di raffreddamento di 65 – 95 gradi. Il riscaldamento a pavimento richiede un liquido molto meno riscaldato, poiché la superficie esterna del pavimento non deve essere riscaldata oltre i 30 gradi. Fanno eccezione solo il bagno e le aree direttamente sopra i tubi, e la differenza in questi casi è di 3 – 5 gradi al massimo.

Per fare tutto bene, dovrai installare un’unità di miscelazione, in cui l’acqua appena riscaldata viene diluita con l’acqua che è già passata lungo il circuito. Da questo nodo, il liquido di raffreddamento ritorna nei tubi e riscalda la superficie del pavimento, spostandosi lungo di essi, già a valori sicuri.

Quando si scelgono i componenti, si dovrebbe dare la preferenza riscaldatori a condensazione. Sviluppano una temperatura relativamente bassa, proprio quella richiesta per il normale funzionamento di un pavimento caldo. Oltre ai dispositivi elencati, il sistema di fascia alta contiene anche controlli automatici o sensori meteorologici, mezzi per sfogare l’aria in eccesso dai tubi e da alcune altre parti..

L’altezza della “torta” del piano d’acqua è determinata principalmente dal tipo di massetto; soprattutto quando si utilizzano strutture in calcestruzzo.

Dovrai anche tenere conto dello spessore della protezione termica, sai già come calcolarlo. Il riscaldamento a pavimento di alta qualità è impensabile senza un collettore e anche l’altezza di montaggio di questo dispositivo è molto significativa. L’armadio del collettore viene solitamente posizionato a livello del rivestimento del pavimento per ridurre al minimo i dislivelli e gli eventi avversi correlati.. Non installare il distributore al di sotto dei tubi a cui fornisce acqua., se solo c’è un’opportunità per evitarlo, usalo.

Ma anche il miglior collettore, installato secondo tutte le regole, non aiuterà a riscaldare la casa se non viene seguita la fase di installazione del tubo consigliata. Viene selezionato principalmente tenendo conto del diametro della tubazione; se le bobine di tubi di grandi dimensioni vengono avvicinate troppo, apparirà il surriscaldamento e l’eccessiva rimozione di strutture sottili porterà alla comparsa dei cosiddetti vuoti termici.

In un condominio, un pavimento termoisolato ad acqua è quasi inapplicabile a causa del principio stesso del suo funzionamento, poiché è impossibile prelevare acqua calda dai circuiti di riscaldamento e dai sistemi di approvvigionamento di acqua calda.

Termoregolazione

Sebbene la temperatura dell’acqua nel pavimento caldo sia limitata dal collettore, deve “sapere” come limitarla, quando diminuire e quando è possibile aumentare il riscaldamento. Questa funzione viene rilevata dal termostato (nei cataloghi dei negozi online e nelle brochure dei produttori, per semplicità, si chiama termostato). Una volta installati, i termostati vengono immediatamente collegati ai dispositivi che misurano il riscaldamento del rivestimento del pavimento (o dell’aria nella stanza) e il liquido di raffreddamento.

Gli indicatori, che sono dotati di uno qualsiasi dei pannelli esistenti, mostrano informazioni sul riscaldamento attuale. Il microcontrollore situato all’interno del termostato lavora costantemente con le letture dei sensori, sulla base del quale è organizzato il controllo automatico della temperatura del liquido di raffreddamento. Nei sistemi più semplici viene utilizzato un metodo di coordinamento meccanico, ma comunque l’automazione è considerata l’opzione più pratica e conveniente.

Se in casa non c’è nessuno, è in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici e di consumare esattamente la quantità di acqua necessaria per un riscaldamento ottimale. Quando tutti gli ingressi del gruppo collettore sono stati dotati di termostati separati, vale comunque la pena installare un controllore a pavimento nel suo insieme, poiché un’impostazione rigorosa della temperatura aumenta il comfort in casa..

Se, tuttavia, in un condominio è installato un pavimento caldo, è impossibile regolarne la temperatura in modo che i radiatori su tutti i piani dell’edificio funzionino stabilmente.

La soluzione può essere l’equipaggiamento di un circuito di riscaldamento autonomo, che non è associato al riscaldamento centralizzato dell’abitazione. Ma poi dovrai riflettere attentamente sul consumo di gas o elettricità per la caldaia, scoprire se sarà possibile garantirne la fornitura necessaria attraverso le comunicazioni esistenti.

tubi

Dopo aver scoperto i dettagli su come è organizzata la termoregolazione di un pavimento riscaldato ad acqua, è tempo di affrontare un altro punto: quei tubi che forniranno il refrigerante riscaldato nei posti giusti. Nel riscaldamento a pavimento possono essere utilizzate strutture in metallo-plastica, polietilene, acciaio inossidabile, polipropilene e rame. Qualsiasi di questi tipi di approvvigionamento idrico funziona bene sia nei massetti che quando si utilizza la pavimentazione.

Per tua informazione: tutte le campate devono essere posate senza connessioni e quando una di esse non consente di chiudere una determinata area, la struttura è divisa in una serie di contorni. Assicurati di collegare ciascuno di questi circuiti a un ingresso separato del pettine.

Quando si scelgono prodotti in polietilene, assicurarsi che abbiano lo strato di rinforzo necessario.

Oltre al materiale si tiene sicuramente conto del diametro del tubo: riducendo la larghezza della tubazione è possibile accorciare il suo singolo tratto, ma è sconsigliato utilizzare circuiti molto lunghi. Il punto non è solo che questo aumenta il costo di acquisto dei componenti, ma anche nell’accumulo insensato di una grande quantità di acqua. Se ce n’è troppo nel circuito, il riscaldamento diventa inerte e non può reagire in modo flessibile ai cambiamenti delle condizioni ambientali. Pertanto, la composizione tipica di un pavimento caldo comprende solo tubi di diametro non inferiore a 1,6 e non superiore a 2 cm.

Non dobbiamo dimenticare che tipo di rivestimento del pavimento verrà posato sopra l’impianto di riscaldamento. I sistemi in rame sono piuttosto costosi e sono consigliati solo per pavimenti con un elevato effetto di risparmio di calore. Leggere sempre le istruzioni per l’uso e i documenti di accompagnamento. Dovrebbe essere chiaramente indicato lì che un particolare tubo è destinato specificamente alla creazione di pavimenti caldi..

Il polipropilene è leggermente peggiore del metallo-plastica, il suo raggio di curvatura è almeno 8 volte il diametro del tubo. Cioè, scegliendo un design con un calibro di 2 cm, non sarà possibile avvicinare le spire di oltre 320 mm.

Il polietilene reticolato è privo di un tale inconveniente, ma deve essere fissato il più saldamente possibile, altrimenti il ​​gruppo si raddrizzerà e non sarà in grado di svolgere pienamente i suoi compiti.

Calcolo e progettazione del sistema

Ma una semplice selezione del materiale non sempre dà un buon risultato, e anche prendere in considerazione le proprietà della finitura non è sufficiente per il successo finale. Il calcolo accurato e la stesura di un progetto competente di riscaldamento a pavimento è di grande importanza. Poiché è improbabile che tu abbia l’esperienza necessaria, è meglio non rischiare, ma contattare immediatamente i professionisti. Raccogliere e fornire ai progettisti dati su:

  • Il diametro della tubazione e il materiale con cui sarà realizzato;
  • Potenza di picco della caldaia;
  • Proprietà di protezione termica (spessore, materiale, numero di strati);
  • La superficie totale e riscaldata della stanza;
  • Materiali di pareti, pavimenti, loro spessore, livello di isolamento termico, geometria.

Uno speciale programma per computer aiuterà a calcolare i parametri che avrà il fondo dell’acqua. Nella maggior parte dei casi, il coefficiente di perdita di calore non è inferiore a 40 e non superiore a 300 W per 1 mq. m Se la cifra è più vicina al valore massimo, non dovresti risparmiare sulla tubazione: avvicina i suoi tubi a 150 mm tra loro, o meglio ancora ridurre questa distanza. È un’altra questione se la stanza ha recinzioni spesse e completamente isolate, se sono installate finestre affidabili senza una sola fessura. Quindi sentiti libero di espandere la fase di installazione a 0,3 m, sarà comunque abbastanza comodo e caldo nella stanza dopo che il pavimento caldo è stato messo in funzione..

La stesura di un progetto di pavimento caldo deve essere preceduta da un progetto di design.. O almeno pensa tu stesso dove verranno installati i mobili pesanti e gli impianti idraulici. La lunghezza massima dei circuiti di tubazioni continue non può riscaldare più di 40 mq. m, altrimenti il ​​carico termico risulta eccessivo e nessuna prevenzione aiuterà a evitare la fessurazione del massetto o dei pannelli.

Selezione del collezionista

Quando si sceglie un collettore, concentrarsi sull’area che dovrà essere riscaldata con un refrigerante, ma tenere conto della pressione sviluppata nel sistema. Molto spesso, l’unità di miscelazione è in ottone; solo occasionalmente c’è un acciaio inossidabile e plastica (pre-temprata). Se si desidera acquistare il prodotto più affidabile e stabile, verificare se è stata utilizzata la gru Mayevsky, se è presente un sensore che determina la quantità di refrigerante che passa attraverso il dispositivo.

Oltre ad essi, in varie versioni, il miscelatore può avere termocoppie (che misurano il riscaldamento del liquido), ugelli che rilasciano aria all’esterno e valvole che ne modificano la portata.

L’apparato contenente il flussometro è un’attrezzatura completa di alta qualità. Ma il termostato deve essere installato anche nei prodotti più economici, altrimenti hai un matrimonio franco o addirittura un falso. Grazie al complesso di termoregolazione, il pavimento dell’acqua si riscalda ugualmente bene, si evitano sbalzi di temperatura, il che non solo rende la casa più confortevole, ma aumenta anche la durata del pavimento.

I collettori prodotti negli ultimi anni possono essere dotati di flussimetro ICMA a cinque punti. Se stai cercando un prodotto più economico, dovresti optare per prodotti con valvole statiche. Le unità di controllo in plastica funzionano bene solo in stanze di piccola area, in una stanza più grande, sono necessariamente utilizzate strutture metalliche.

Quando si acquista un collettore centrale, vale la pena scegliere kit pronti per l’uso.. Controllare attentamente se ci sono valvole per ogni uscita richiesta, sia di mandata che di ritorno.. Questo è importante per poter scollegare e avviare i circuiti in modo autonomo l’uno dall’altro e non lavorare con l’intero sistema in una volta. Si noti che i tubi possono essere collegati al collettore utilizzando raccordi per compressore o nodi di collegamento (una combinazione di anello di serraggio, dadi e robuste boccole).

Quale caldaia è adatta?

Ma il molteplice e tutti i componenti precedenti sono lontani da tutto ciò che dovrà essere considerato. Il prossimo passo è un elemento altrettanto importante del sistema di riscaldamento: una caldaia, senza la quale è impossibile garantire una fornitura stabile di acqua calda. Non è possibile rispondere in modo univoco alla domanda su quale riscaldatore sia il migliore, è necessario prendere in considerazione troppi parametri.

Quindi, tutti i dispositivi a circuito singolo sono categoricamente inaccettabili se si desidera fornire acqua calda non solo al pavimento caldo, ma anche al rubinetto. Ovviamente puoi acquistare caldaie, miscelatori di un campione speciale e altri dispositivi tecnologici, ma è più facile acquistare immediatamente un sistema a due circuiti. Calcola attentamente la potenza di cui hai bisogno e, a seconda di essa, fai una scelta a favore di una modifica sospesa (fino a 35) o posizionata direttamente sul pavimento (fino a 120 kW). La versione ottimale, secondo l’opinione sia dei consumatori che degli specialisti, è una versione a parete, poiché non è particolarmente necessaria una capacità energetica record nella vita di tutti i giorni.

Questi dispositivi sono più facili da installare e più facili da maneggiare..

L’indubbio vantaggio dello schema generale è che una pompa è installata di default in essa, il che significa che non è necessario selezionarla, spendere fondi aggiuntivi e perdere spazio libero nella stanza. Se nel sistema è presente anche una caldaia, questo è quasi un locale caldaia in miniatura, in grado di fornire anche refrigerante ai radiatori. Una cosa utile per chi non vuole o non può limitarsi al riscaldamento a pavimento.

Per quanto riguarda la fonte di energia utilizzata nella caldaia, è possibile selezionare qualsiasi combustibile, ma la sua combustione deve essere automatizzata. Fondamentalmente, gli specialisti installano riscaldatori a gas o elettrici. Poiché l’elettricità è in costante aumento di prezzo, è ancora più redditizio utilizzare il gas, ma l’impianto che lo brucia dovrà essere installato in una stanza separata, dove verrà creata una ventilazione impeccabile.. Tutti i lavori devono essere affidati solo a rappresentanti del servizio gas, la documentazione di progetto è coordinata con esso in anticipo.

I veicoli diesel sono preferiti nei cottage. La loro installazione è relativamente semplice, non ci sono requisiti operativi speciali per loro. Ma dovrai monitorare costantemente le condizioni della caldaia in modo che funzioni normalmente. Fuori città, una buona alternativa a tutte queste opzioni è il combustibile solido, bruciandolo consente di fornire una potenza decente e un’efficienza normale.

Qualunque sia il tipo di caldaia che scegli, seleziona un sito per esso, scopri quali componenti aggiuntivi dovranno essere utilizzati e quali saranno incompatibili. Si prega di notare che qualsiasi riscaldatore diverso da una convezione, richiede l’uso di un gruppo collettore per abbassare la temperatura a valori accettabili.

Le caldaie elettriche con elementi riscaldanti sono cattive in quanto gli elementi riscaldanti si guastano rapidamente; in una certa misura questo svantaggio è compensato dal prezzo moderato e dalle tecnologie sofisticate. La versione ad elettrodo ha un’inerzia termica inferiore, ma può essere utilizzata solo a contatto con acqua molto pulita.

Attenzione: all’avvio del sistema, è necessario riempire immediatamente liquidi pronti di un campione speciale o acqua preparata in modo indipendente. Il vantaggio delle versioni a induzione è il risparmio di spazio e la facilità di installazione del dispositivo, anche un non professionista può montarlo.

Le caldaie a combustibile solido sono le meno accettabili, dovrebbero essere scartate quando possibile.

Anche con un capiente serbatoio, dove il pellet può essere stoccato in grandi volumi e quando si utilizza un accumulatore di calore, il ciclo non può essere completamente eliminato. Dispositivi aggiuntivi complicano e aumentano il costo del lavoro più volte, inoltre, il sistema si avvia molto lentamente.

Montaggio

I lavori per l’installazione di un pavimento caldo non iniziano con l’installazione dell’isolamento termico. Prima di tutto, dovresti assicurarti che la base ruvida sia sufficientemente piana, dovrebbe avere un dislivello massimo di 10 mm per 1 mq. m. La selezione di un materiale che risparmia calore è determinata dall’isolamento iniziale, dalla presenza di vari locali sottostanti. Si consiglia sempre di creare uno strato di protezione termica leggermente più spesso di quanto risulta dai calcoli, perché permette di compensare eventuali errori. Sopra appartamenti, uffici e uffici riscaldati delle organizzazioni, si considera uno strato sufficiente di isolamento termico di 2 – 3 cm.

Nelle case private, al piano terra di un condominio sopra scantinati non riscaldati, indipendentemente dalla regione della Federazione Russa, è necessario fornire uno strato di isolamento termico di almeno 5 cm.E se vivi nelle zone più fredde, prendi cura di una base a risparmio di calore di 0,1 – 0,15 m Uno schermo termico più spesso non è necessario a meno che la casa non si trovi nell’Artico..

Quando viene fornito l’isolamento termico, il perimetro della stanza viene coperto con un nastro isolante o posato con un altro nastro isolante termico. Nella sua capacità, sono ampiamente utilizzate strisce di polistirene, polistirene espanso e altri fogli isolanti. La larghezza della striscia deve essere di 100 mm e lo spessore deve essere di circa 10 mm, gli stessi requisiti si applicano quando si posa il cartone di lana minerale. Tali elementi sono progettati per prevenire l’insorgere di crepe termiche ai bordi della pavimentazione e per ridurre drasticamente il trasferimento di calore attraverso la superficie delle pareti attraverso il sottofondo..

Poi arriva il turno di posare i tubi e fissarli. Spesso, una rete metallica viene posizionata sopra lo strato termoisolante con un passo di 50 o 100 mm, che è considerato il più pratico. Affinché i tubi siano tenuti saldamente sulle aste, devono essere fissati; sia i morsetti di plastica che il filo di acciaio sono perfetti per questo scopo. Se il produttore si è occupato di applicare segni su substrati termoisolanti, esattamente secondo questa marcatura, gli elementi di fissaggio vengono martellati nella base del pavimento, che quindi inizierà a trattenere il tubo inserito.

È ancora più semplice utilizzare i pannelli di polistirolo; fissandoli, è possibile bloccare le parti della tubazione tra le sporgenze previste a tale scopo.

Il riscaldamento a pavimento con base in calcestruzzo prevede che il massetto venga colato ad almeno 30 mm al di sopra del livello delle tubazioni. 40 – 50 mm di cemento vengono versati sotto le piastrelle, ma se il laminato, il linoleum vengono posizionati sopra, saranno sufficienti solo 15 – 20 mm. Ma sarà necessario integrare la “torta” con un’altra rete di rinforzo in modo che la struttura nel suo insieme sia più stabile. La tecnologia del massetto in calcestruzzo consente solo dopo aver avviato l’impianto di riscaldamento in pressione, durante il lavoro può essere utilizzato solo cemento di una categoria non inferiore a M-300.

Il calcestruzzo dovrebbe essere asciugato per almeno 28 giorni, anche in condizioni ideali, non è accettabile accelerare artificialmente questo processo, perché possono apparire crepe. Solo dopo il completo indurimento ha senso procedere con la finitura finale..

Quando si installa il pavimento caldo, la valvola termica è posizionata nel ponticello che precede la pompa di circolazione nello schema. Questa valvola può essere realizzata secondo un sistema a due o tre vie; in entrambi i casi aprendolo si avvia la miscelazione del liquido di raffreddamento, rende il riscaldamento più intenso.

Su un pavimento di legno

Fino a poco tempo, si credeva che l’installazione di un pavimento caldo su una base di legno non avesse alcun senso, perché il legno stesso ha un livello sufficiente di isolamento termico. Non si parla dell’uso di massetti cementizi, viene utilizzata una modifica del metodo di pavimentazione. Le tubazioni sono posizionate direttamente sopra i tronchi o sotto le tavole in canali appositamente predisposti; questi canali raccolgono e trasferiscono ulteriormente il calore grazie alla presenza di speciali piastre con incavi allungati per i tubi.

Oltre a trattenere parti della tubazione, le piastre aumentano la rigidità dell’intero sistema, il che significa che non è necessario utilizzare un substrato.

Non va dimenticato che le soluzioni di classe economica implicano la sostituzione delle lastre con fogli di alluminio di 0,02 cm di spessore. Quando, tuttavia, è necessario utilizzare un substrato, ad esempio se si sta preparando la posa di piastrelle di ceramica, linoleum, è necessario utilizzare lastre in fibra di gesso o DSP. Come isolanti termici, questi materiali non hanno praticamente alcun valore, il loro ruolo è puramente meccanico..

La differenza quando si posa un pavimento caldo su un sottofondo in legno è dovuta anche al metodo individuale di preparazione dei canali.

Ce ne sono due e ogni proprietario di casa deve scegliere quello che gli si addice meglio. Quindi, se ci sono tronchi di legno nella parte inferiore, puoi acquistare blocchi di truciolato, i cui fori sono realizzati mediante fresatura. Le distanze dei canali sono determinate per un livello rigorosamente specificato di conduttività termica dell’intera struttura. Il vantaggio del kit già pronto può essere considerato che avrai immediatamente un set completo di componenti per un’installazione rapida e di alta qualità..

Ma un grave inconveniente dei moduli per la formazione della pavimentazione è il loro prezzo, che in molti casi è paragonabile allo stesso volume di un telaio di tronchi naturali. Volendo risparmiare, molti utilizzano strutture a rack; le doghe sono realizzate con pannelli con bordi piallati o compensato resistente all’umidità. A volte per la loro fabbricazione vengono utilizzati gli stessi due tipi di pannelli da costruzione, discussi sopra (lo spessore è rigorosamente da 2,1 a 2,8 cm).

La distanza tra le singole lamelle è spesso mantenuta uguale allo spessore di ciascuna di esse, in modo che il tubo possa adattarsi e non soffrire di un cambiamento delle dimensioni dell’albero sotto l’influenza del calore. Per quanto riguarda la larghezza della guida di coordinamento, dovrebbe essere uguale allo spazio di progettazione tra i tubi..

Infine, parliamo di un altro modo relativamente nuovo, ma che sta guadagnando popolarità, per isolare un pavimento in legno. Prendono una tavola bordata e la estraggono da un lato ¼ con le dimensioni della scanalatura. Inoltre, ad almeno 70 mm dal piano del muro, utilizzando il metodo di fresatura, creare una striscia continua con la stessa profondità (questo aiuterà a portare i tubi alle file successive).

Per il lavoro viene utilizzata una tavola più spessa della dimensione del campione, ma in larghezza coincide esattamente con le fasi di posa. Il fissaggio alla base (trave, tronco) sarà fornito con viti autofilettanti, il sottofondo non viene creato affatto. Tutto sembra semplice e pratico, ma dovrai esaminare a fondo tutte le strutture di supporto e persino smontare e sistemarne alcune. I piani inferiori debolmente isolati sono imballati con barre fino alla linea di fondo e posati con lastre di protezione termica. È ricoperto di polietilene da 0,2 mm e 50 mm di nastro smorzatore dovrebbero essere tenuti sulla parete attorno al perimetro.

Molto spesso, in questo caso, la tubazione viene posata secondo il sistema “serpente”, il tubo è preferibilmente corrugato con una dimensione esterna di 1,6 o 1,7 cm Dove i circuiti di riscaldamento gireranno, è consigliabile arrotondare i bordi del le stecche. Le scanalature sono posate con un foglio di alluminio con uno spessore di almeno 0,05 mm.

Alcuni professionisti ritengono che sia necessario circondare i tubi stessi con questo materiale per una maggiore efficienza..

Massetto

È necessario riempire il massetto sopra il pavimento riscaldato ad acqua in un ordine speciale e utilizzando una miscela di normale malta cementizia con additivi che aumentano il passaggio di calore. Lo spessore minimo del prodotto è di 30 mm, il che da solo consente di rendere stabile il rivestimento, sopportando tranquillamente le sollecitazioni meccaniche. L’esclusione delle fasce di caldo e freddo dipende anche dallo spessore dello strato di serraggio..

tutto quel tempo, fino a quando il massetto dopo il getto raggiunge la resistenza richiesta, è inaccettabile accendere il riscaldamento a pavimento. Pertanto, è necessario testare il loro lavoro in anticipo, ed è meglio intraprendere la revisione del pavimento stesso nella stagione calda dell’anno, quando è garantito l’esclusione di gelate e scatti freddi. Si consiglia di eseguire il processo di colata stesso lungo i beacon, soprattutto quando la pavimentazione di finitura richiede una parte di sgrossatura estremamente piana e ordinata. L’isolamento termico attorno al perimetro viene sempre reso più alto del pavimento finito e, dopo che il massetto si è finalmente indurito, l’eccesso viene tagliato con un normale coltello affilato.

Non inserire mai fogli di alluminio e materiali a base di esso nella massa che si restringe., visto che non passeranno nemmeno tre mesi, perché tutto questo diventerà polvere, e la protezione termica sarà ridotta a zero.

Puoi utilizzare un pavimento autolivellante invece di un massetto, ma tieni presente che il riempimento in polimero può eliminare solo lievi differenze di altezza. Se la base ruvida è irregolare, dovrai utilizzare una classica miscela di cemento e sabbia con gli additivi necessari. Il vantaggio dei pavimenti autolivellanti è considerato uno spessore molto piccolo (non più di 35 mm), la capacità di resistere a carichi meccanici impressionanti, la leggerezza del materiale stesso e la sua varietà visiva. Come distributore di pressione, lo strato di riempimento si è rivelato molto buono e la sua conduttività termica è molto migliore anche di quella di una malta modificata.

Ma ci sono anche diversi inconvenienti: dovrai riempire i tubi con una quantità molto grande di miscela (non così economica) e in più passaggi.

Se fatto subito, il rivestimento può rompersi rapidamente..

A cosa è meglio connettersi?

Abbiamo già capito le caldaie e i collettori, ora considereremo gli elementi riscaldanti stessi. Nelle abitazioni private è preferibile utilizzare il metodo di connessione a secco quando si utilizzano piastre di distribuzione termica. In pratica ormai da molti anni si dimostrano un’ottima alternativa al tradizionale massetto cementizio, ma sono inferiori nel peso e superiori nella trasmissione del calore, che è esattamente ciò di cui il consumatore ha bisogno. Un vantaggio importante è che il passo minimo di installazione del tubo quando si utilizzano piastre da 150 mm è ridotto a 125 mm, il che significa, anche in zone molto fredde, il pavimento sarà confortevole.

Con l’autoinstallazione, non sarà necessario regolare la rete di rinforzo e collegare la tubazione ad essa, questa è una procedura completamente inutile in questo caso. Un grande vantaggio è che subito dopo l’installazione del rivestimento del pavimento di finitura, sarà possibile accendere immediatamente il sistema di riscaldamento a pavimento. Le piastre si riscaldano molto rapidamente, mentre il calcestruzzo ha ancora un’inerzia termica abbastanza grande a causa della sua massa significativa. Gli scambiatori di calore in metallo assorbono tre volte meno altezza della stanza rispetto anche ai massetti di cemento più leggeri.

Tuttavia, dovresti anche conoscere gli svantaggi delle piastre di distribuzione termica in metallo: non solo si riscaldano rapidamente, ma perdono anche calore ancora più velocemente quando la caldaia è ferma. E il costo alla fine risulta essere superiore rispetto a quando si utilizza la malta tradizionale. In una certa misura, questa difficoltà viene eliminata realizzando le lastre da soli, ma tieni presente che dovrai utilizzare una macchina speciale.

Suggerimenti per la selezione

Un set di riscaldamento a pavimento per parquet e laminato deve essere posato su pannelli di polistirene, non è necessario alcuno strato intermedio tra questi e la finitura. Se c’è una piastrella o un linoleum sulla parte superiore, la base è creata da rivestimenti in truciolare o fibra di gesso. Tornando alle strutture in polistirolo, si dovrebbero sottolineare i suoi vantaggi nelle case di campagna e di campagna con soffitti non troppo alti. Nel caso in cui si desideri ottenere la massima compatibilità ambientale, è necessario posizionare il fondo dell’acqua sopra i moduli o i binari.

La larghezza della lastra (modulo) deve essere di 13, 18 o 28 cm.Includere nel progetto uno spessore di almeno 2,2 cm e l’intervallo tra una lastra e l’altra è di 2 cm.

I ponti modulari sono più spessi dei ponti a doghe e dovrebbero essere utilizzati principalmente ai piani terra.

In una casa di legno, puoi posare un pavimento caldo in qualsiasi modo, ma il passo è limitato a 150 mm, quindi comprare più tubi. È del tutto possibile calcolare la potenza in base a valori approssimativi: se l’edificio è completamente isolato e sono installate finestre con doppi vetri, dovrebbe essere di circa 40 W per 1 mq. m.Se la casa è un edificio relativamente vecchio e non c’è praticamente nessun isolamento termico, questa cifra è solitamente di 70 o 80 W.

Gli edifici molto usurati e non riparati da molto tempo hanno perdite di calore di oltre 100 W per 1 mq. m, e devono essere compensati con mezzi di riscaldamento. Ma la situazione è ancora peggiore nei nuovi cottage senza isolamento delle pareti e con finestre panoramiche: la perdita di calore può essere di 0,3 kW per quadrato.

È del tutto possibile dotare un pavimento riscaldato ad acqua sul balcone e gli esperti raccomandano in questo caso usa il sistema “Serpente”, fornendo il riscaldamento più uniforme. Data l’intensa dispersione di calore, lo spazio tra i tubi non deve essere maggiore di 100 mm, altrimenti il ​​rivestimento sarà freddo. E lastre di materiale isolante, al contrario, è consigliabile utilizzare più spesso in modo da risparmiare energia preziosa in modo più affidabile.

Quando si sceglie un distributore (collettore), vale la pena dare la preferenza alla stessa azienda che ha prodotto il sensore di temperatura, quindi non ci saranno sicuramente problemi con la compatibilità dei componenti tra loro. Idealmente, tutti i componenti dovrebbero essere della stessa marca..

Per quanto riguarda il liquido di raffreddamento, il sistema di riscaldamento a pavimento può utilizzare le stesse sostanze dei radiatori. Fino a un terzo di tutti i pavimenti caldi è riempito con antigelo (miscele di glicole propilenico e glicole etilenico). Avvicinati il ​​più attentamente possibile alla scelta del fluido tecnico e prestare attenzione all’elenco completo dei suoi componenti, proprietà fisiche di base. Per pompare l’antigelo, la capacità totale della pompa deve essere 1/10 in più rispetto all’utilizzo dell’acqua e la pressione che si crea nell’impianto generalmente aumenta del 60%. In questo caso sarà necessario aumentare o il diametro dei circuiti o la loro lunghezza totale, tenendo conto della ridotta cessione di calore dei liquidi non congelanti..

Il vantaggio quando si utilizza l’antigelo è che la sostituzione del liquido di raffreddamento può avvenire 3 – 5 volte meno spesso rispetto a quando si versa acqua nei tubi. Puoi migliorarne la qualità distillando e aggiungendo ammorbidenti..

È categoricamente inaccettabile versare l’antigelo per auto nel circuito di riscaldamento, per questo sono previste solo miscele appositamente selezionate.!

Produttori

Tra i produttori di riscaldamento a pavimento c’è una società italo-russa Valtec ha da tempo attirato l’attenzione dei consumatori e ha ottenuto una serie di valutazioni favorevoli. La gamma dell’azienda comprende, ad esempio, tubi della categoria Pex-Evoh con un diametro di 1,6 o 2,0 cm Per collegarli, vengono aggiunti raccordi in ottone al set di consegna. La necessaria protezione contro la penetrazione di ossigeno dall’esterno è fornita da un rivestimento in poliviniletilene.

Rehau – l’azienda non è meno famosa, meritatamente associata alla tradizionale qualità tedesca. Gli ingegneri dell’azienda hanno un segreto su come realizzare i tubi più flessibili. Puoi piegarli entro un raggio abbastanza ampio, senza timore di danneggiare qualcosa o provocare una perdita. Molta attenzione è stata prestata alla struttura delle pareti interne: ora non accumulano affatto inquinamento, il che consente di ridurre i requisiti per la preparazione dell’acqua versata nei pavimenti caldi.

Recensioni

Le recensioni generali sui pavimenti riscaldati ad acqua sono piuttosto favorevoli. Anche coloro che inizialmente credono che questo sia solo uno spreco di denaro, dopo aver provato i benefici di tali prodotti, cambiano radicalmente idea. Le proprietà di distribuzione del calore del sistema di riscaldamento a pavimento sono molto apprezzate, specialmente spesso le valutazioni positive sono associate all’uso del riscaldamento a pavimento nei bagni..

I tubi in plastica rinforzata, a giudicare dalle recensioni, possono durare almeno 10 anni senza una sola lamentela. Si prega di notare che in stanze grandi con un minimo di mobili, le persone esperte spesso consigliano il riscaldamento solo al centro, in modo che non sia troppo soffocante.

Si sconsiglia inoltre di utilizzare pavimenti riscaldati ad acqua nei bagni e nelle cucine, altrimenti gli odori caratteristici di queste stanze potrebbero aumentare. Meglio fare attenzione che ci sia un efficace isolamento termico.

Ma i sistemi con sensori e termostati di alta qualità sono sempre valutati più in alto del solito, riconosciuti come i più convenienti e pratici da usare..

Esempi e opzioni di successo

Puoi usare un pavimento riscaldato ad acqua quasi ovunque; questo metodo di riscaldamento non ha restrizioni speciali. Ora sai esattamente come scegliere gli accessori, come posarli e collegarli, come calcolare la potenza richiesta. Vediamo ora alcune delle sue esibizioni di maggior successo..

Ecco come lavorano i professionisti al getto di un impianto di riscaldamento con massetto in cemento (un angolo, distante dall’ingresso, è già colato, il lavoro procede in senso antiorario).

E qui, in modo semplice ed elegante, avviene l’installazione di un pavimento caldo in una casa di legno.

Eccellente collettore moderno per fornire acqua all’impianto di riscaldamento.

Per informazioni su come realizzare un pavimento riscaldato ad acqua con le tue mani, guarda il prossimo video.