Tatuarsi o non tatuarsi: questa è la famosa domanda!

Sono Mary e vivo in una piccola città chiamata Tillson. Amo leggere, scrivere e divertirmi.

tatuarsi-o-non-tatuarsi-questa-è-la-domanda

I tatuaggi sono diventati mainstream

Ho appena finito di leggere La ragazza con il tatuaggio del drago. I suoi tatuaggi mi hanno fatto fermare e pensare alle donne e ai tatuaggi.

Devo ammettere subito; Ho un tatuaggio. Ne ho preso uno quando avevo 50 anni; era il mio regalo di compleanno per me stesso. Un bellissimo Claddagh sulla mia spalla sinistra, un po’ basso per non essere sempre visibile.

Allora, perché un tatuaggio??

Quando ero giovane, le uniche persone che avevano tatuaggi erano motociclisti e ragazzi del servizio. I motociclisti probabilmente l’hanno fatto per mostrare quanto fossero macho, e la maggior parte dei ragazzi in servizio lo ha fatto in una serata fuori a bere, volendo essere uomini virili. All’epoca sui ragazzi venivano tatuate molte ancore. C’era sempre il vecchio ubriaco con "Madre" tatuato su un nastro sul braccio. Le uniche donne tatuate erano del circo o di terre lontane, come si trova nelle pagine del National Geographic.

Quando è cambiato? Quando sono diventati mainstream i tatuaggi? Ora sono mainstream, lo sai. Lo fanno tutti, dalle ragazze alle vecchiette, dai ragazzi ai vecchi, e tutti nel mezzo.

Delinea la mappa del mondo sul bicipite

Delinea la mappa del mondo sul bicipite

Storia dei tatuaggi

Quindi, per prima cosa, cos’è un tatuaggio? Wikipedia lo definisce come “body art realizzata inserendo inchiostro indelebile nello strato del derma della pelle…." Alcuni chiamano il tatuaggio una profanazione del tempio di Dio, mentre altri lo accettano come una modifica decorativa del corpo. Comunque lo chiami, è pur sempre un tatuaggio. Secondo Harris Interactive, alcuni americani con tatuaggi affermano di sentirsi più sexy (34%) e più attraenti (26%). molti che non't hanno tatuaggi, tuttavia, pensano che le persone che li hanno siano meno attraenti (42%), più ribelli (57%) e meno intelligenti (31%). Hmm, sono più ribelle o meno intelligente?

C’erano tatuaggi sulle mummie (era una cosa importante nell’antico Egitto per uomini e donne), e in Giappone, un tatuaggio particolare veniva usato per identificare una particolare famiglia criminale.

Passando all’America del 1900, scopriamo che i tatuaggi non erano considerati in alcun modo mainstream. Solo le persone di classe inferiore avevano tatuaggi. All’inizio degli anni ’20, i tatuaggi erano “segnali di viaggio”. Si capiva dove era stata una persona dai suoi tatuaggi.

Tatuaggi in aumento

Secondo un sondaggio condotto nel 2006 dal Journal of American Academy of Dermatology, il 24% degli americani di età compresa tra 18 e 50 anni era tatuato e il 36% dei giovani tra i 18 e i 29 anni era tatuato. Nel 2010, quei numeri erano saliti rispettivamente al 36% e al 40%. Il tatuaggio è in aumento, sia in accettazione che in popolarità. Che sia o meno's a un picco è sconosciuto. Nuovi regolamenti, standard igienico-sanitari, strumenti e materiali hanno reso il tatuaggio più facile e più accessibile rispetto al passato.

Mentre il tatuaggio ha subito molti cambiamenti, le ragioni del tatuaggio non sono cambiate molto. Il tatuaggio artistico è in aumento, ma la persistenza dei tatuaggi di gruppo mostra che i tatuaggi sono ancora usati per mostrare la tribù e l’affiliazione familiare. Sembra che negli anni ’60 le cose abbiano cominciato a cambiare un po’. I tatuaggi sono passati ai motociclisti di status più elevato e le celebrità hanno iniziato a presentarsi con i tatuaggi.

Ma il mainstreaming è iniziato davvero negli anni ’80 e ’90. Angelina Jolie è probabilmente la “signora tatuata” più famosa: una celebrità femminile con tantissimi tatuaggi permanenti. Dico permanente, perché ci sono attori che usano tatuaggi temporanei in modo che non interferiscano con il loro mestiere. Voglio dire, pensaci: riesci a vedere, diciamo, Alice nel Paese delle Meraviglie con un grande tatuaggio di un ragno sul braccio? Non funzionerebbe bene. Naturalmente, ci sono molti altri attori e attrici che hanno solo i loro tatuaggi coperti per i loro ruoli. Il trucco, da un vero truccatore, può coprire qualsiasi cosa. E gli atleti? Che ne dici di Dennis Rodman o Mike Tyson??

Celebrità con tatuaggi

Eva Longoria

Eva Longoria

Colin Farrell

Colin Farrell

Tatuaggi per quasi tutti

Non so se gli anni ’90 siano stati la nascita del tatuaggio nella parte bassa della schiena o meno, ma sembra che allora abbia davvero guadagnato popolarità. Certo, è stato chiamato con molti altri nomi dispregiativi come “timbro del vagabondo”, ma molte ragazze hanno e continuano a ottenere tatuaggi nella parte bassa della schiena. Poiché la parte bassa della schiena è “sexy e sinuosa”, è un ottimo posto per mostrare il tatuaggio di una ragazza! I tatuaggi in quest’area hanno maggiori possibilità di rimanere invariati nel tempo, poiché quest’area di solito non si allunga, si allarga o si deforma.

Nel 2000 e oltre, la TV ha iniziato a promuovere il tatuaggio con spettacoli come Miami Ink. Vedere il vero tatuaggio portato fuori dalle strade secondarie e guardare come è stato fatto ha incoraggiato più persone a provarlo. Oh, potrebbero averlo provato comunque, ma essere in grado di saperne di più e capire che ora è igienico ha aiutato a promuoverlo, e molti di quelli che avrebbero avuto paura sono stati influenzati dall’atteggiamento casuale nello show.

Le persone hanno anche scoperto che i tatuaggi non sono più solo semplici colori scuri: sono disponibili quasi tutti i colori. I disegni del tatuaggio sono infiniti e puoi crearne uno tuo. Non vedi solo un’ancora o "madre" più. Ci sono elaborate opere d’arte sui corpi delle persone. Alcuni hanno le braccia e le gambe completamente "maniche" (coperto di tatuaggi, senza macchie nude). Altri hanno la schiena o il davanti completamente coperti.

Ora, grazie a Internet, puoi anche ottenere milioni di disegni di tatuaggi online e portarli al tuo tatuatore locale. Alcuni siti che puoi visitare per avere idee includono Checkoutmyink e 1001 tatuaggi.

Tatuaggi trucco

Poi c’è il “trucco permanente”, che in realtà è un tatuaggio che elimina la necessità di applicare il trucco. Sul serio! Le donne si fanno tatuare le palpebre, le ciglia e persino le labbra. Niente di scandaloso, solo colore, quindi non hanno bisogno di applicare il trucco. Dovrei saperlo: mi sono fatto fare le palpebre perché sono allergico a ogni tipo di trucco per gli occhi.

Il mio tatuaggio Claddagh

Il mio tatuaggio Claddagh

Proprietà di Tillsontitan

Il mio tatuaggio

Arte, dissacrazione, comunque la chiami, fa male! Quando inizi a tatuarti, non è così'Non mi sento così male, ma mentre il tatuatore va più e più volte a riempire le linee e i colori inizia a farsi male e inizia a far male. Sopravvivi, ovviamente, ma a seconda del tuo livello di dolore e delle dimensioni del tuo tatuaggio, può essere un processo doloroso.

Tatuarsi o non tatuarsi

È facile dire che i tatuaggi non sono una moda passeggera; non erano una moda passeggera nell’antico Egitto, e non sono una moda passeggera adesso. Ora ci sono abbastanza persone in ogni professione e fascia di età che praticano tatuaggi per dire che è andato oltre la moda a quello che ho detto originariamente, mainstream.

Quindi, tatuare o non tatuare? Questa è una domanda a cui solo tu puoi rispondere se la consideri una forma d’arte, una decorazione, un simbolo di qualcosa o una profanazione, qualunque cosa. È una decisione personale, sicuramente, ma l’opzione è sicuramente qui per restare!

Se ti è piaciuto questo articolo, lascia un commento. Sentiti libero di condividerlo con i tuoi amici.

Quante persone che leggono questo hanno tatuaggi?

Quanti lettori si farebbero davvero un tatuaggio?

Questo contenuto è accurato e fedele al meglio delle conoscenze dell’autore e non intende sostituire la consulenza formale e personalizzata di un professionista qualificato.

© 2011 Mary Craig

Commenti

Mary Craig (autrice) da New York il 23 gennaio 2013:

Sono d’accordo Jenn, se un tatuaggio ha un significato personale di certo non te ne pentirai. Apprezzo che tu sia passato.

jenbeach21 da Orlando, Florida, il 23 gennaio 2013:

Grandi informazioni sulla storia dei tatuaggi. Al momento ho 2 tatuaggi e ne rimpiango solo uno, mio "timbro vagabondo." Penso che quando i tatuaggi hanno un significato personale, allora danno al tatuaggio uno scopo ed è meno probabile che te ne pentirai in seguito.

Mary Craig (autrice) da New York il 17 ottobre 2012:

Alecia, adoro il tuo commento sull’aver tatuato il tuo nome…"non riesci a ricordarlo??" Grazie per i tuoi commenti…sempre apprezzati e sempre divertenti da leggere.

Alecia Murphy da Wilmington, North Carolina, il 16 ottobre 2012:

io'sono giovane ma è'non è mai stato qualcosa che io'seriamente considerato. Come ha detto Mary, immaginare un tatuaggio sulla mia pelle invecchiata è qualcosa che temo. Ma nel complesso il mio ragionamento per non averne uno è principalmente perché non sento mai il bisogno di fare ciò che fanno gli altri per convalidare la mia identità o il mio valore personale. Alcune persone sembrano farsi tatuare solo per poterlo fare "adattarsi." Tuttavia, penso che'è ridicolo se hai il tuo nome tatuato su te stesso- non riesci a ricordarlo??

Un hub divertente e interessante!

Mary Craig (autrice) da New York il 16 ottobre 2012:

È un segno dei tempi, Mary. Credo finché lo sono 'di buon gusto' stanno bene….e lo fanno'Riderò di loro nelle loro rughe 😉

Mary Hyatt dalla Florida il 16 ottobre 2012:

Le mie nipoti hanno tutte dei tatuaggi e io non approvo! ok, io'm vecchio stile. io posso't immaginate tutte queste giovani ragazze con i tatuaggi quando invecchiano…..i tatuaggi nelle rughe!!!

So che tutti i giovani li hanno in questi giorni. Posso vedere fare l’eyeliner.

L’ho votato UP e interessante.

Mary Craig (autrice) da New York il 16 ottobre 2012:

Sicuramente ha bisogno di essere pensato Stephanie, hai così ragione, rimane con te per sempre! Grazie per aver letto, votato e twittato.

Stephanie Henkel dagli USA il 16 ottobre 2012:

Mi è piaciuto il tuo articolo molto interessante sulla storia dei tatuaggi. Farsi un tatuaggio è una decisione molto personale. Sono rimasto un po’ sorpreso dalle statistiche: anche se ho notato molti più tatuaggi, non avevo idea che il numero di persone che li indossavano fosse così alto. Personalmente, non vorrei impegnarmi ad avere body art permanente – it'Non è come un gioiello o un’acconciatura che puoi cambiare quando ti stanchi! Ottimo hub, votato! twittato!

Mary Craig (autrice) da New York il 30 gennaio 2012:

Un tatuaggio è sicuramente permanente e dovrebbe essere pensato, sono d’accordo Brett, ma per quelli di noi che ci pensano prima, è'va bene. io'Sono sicuro che i tuoi sono unici. Mia figlia ha un tatuaggio davvero unico sulla gamba, disegnato da un’amica.

Cebutouristspot, i tatuaggi non sono per tutti. Esso'è sicuramente una questione di gusti e non ci si deve offendere, dopotutto'ecco perché c’è's vaniglia e cioccolato!

cebutouristspot da Cebu il 30 gennaio 2012:

Non mi farei mai un tatuaggio 😀 Semplicemente non mi piace. Senza offesa per chi lo fa 😀

Brett C dall’Asia il 30 gennaio 2012:

Il mio consiglio a chiunque stia pensando di prendere anche un po’ è di pensarci per almeno sei mesi prima di ottenerlo effettivamente (un periodo di riflessione, per qualcosa di MOLTO permanente).

Ne ho un paio anch’io, ma sono per ricordarmi di viaggiare e per ricordarmi alcune lezioni importanti che ho imparato. Entrambi sono stati progettati da me in pochi mesi, quindi almeno rimarranno unici per me.

Un articolo molto interessante su un argomento che in Asia è ancora oggi abbastanza delicato.

Grazie per la condivisione.

Mary Craig (autrice) da New York il 06 agosto 2011:

Nell, io'ne sono sicuro'è bellissimo. Prima di tutto gli acchiappasogni sono adorabili di per sé, e il blu è un ottimo colore per qualsiasi cosa!

Nell Rose dall’Inghilterra il 06 agosto 2011:

Ciao, ho un tatuaggio che ho ricevuto quando avevo quarant’anni, era il mio regalo per me! lol ne ho sempre voluto uno, ma non sono mai riuscito a farlo. Credo che alcune persone li prendano troppo in fretta e poi se ne pentono, il mio è un acchiappasogni nativo americano! adorabile blu, infatti quando la gente l’ha visto per la prima volta, ho ricevuto molta attenzione da chi ne voleva uno, e hanno detto che non avevano mai visto nessuno con esso come il mio, lo adoro! evviva nel

Mary Craig (autrice) da New York il 06 agosto 2011:

So cosa intendi, Lisa. Ho sempre voluto un tatuaggio ma non ho mai avuto il coraggio fino a quando non avevo 50 anni!

lisa.bom il 05 agosto 2011:

Ottima lettura. Ho appena fatto il mio secondo tatuaggio. Il primo quando avevo 46 anni. Ho sempre ammirato i tatuaggi sulle altre persone. Mi ci è voluto così tanto tempo per decidere cosa volevo che significasse davvero qualcosa per me. Grazie per la condivisione.

Jean Bakula dal New Jersey il 4 agosto 2011:

Molte informazioni lì. Mio padre era in Marina e conosceva la mamma solo da circa 1 mese quando si è fatto tatuare il nome sul braccio. Ho sempre pensato che fosse così romantico. Naturalmente, a quei tempi, le persone tendevano a rimanere nei matrimoni, il divorzio era disprezzato. Penso che i tatuaggi siano belli, ma sono per sempre, quindi lo farei'Non impazzire con loro come fanno alcuni. So che i dermatologi possono rimuoverli o fare qualche procedura per alleggerirli, ma sembra tutto doloroso! A volte prendo il tipo di henné che dura solo un po’. Buon per te, ne prendi uno per il tuo 50esimo compleanno! Sono andato in Giamaica per la prima volta sulla mia, e ho avuto uno dei momenti migliori della mia vita. Esso'è solo un numero Se ti è piaciuto "Tatuaggio Drago", Ho recensito tutti e 3 i libri della Millennium Trilogy su HP. Tanti auguri a te. Votato, interessante, fantastico!