Piastrelle e pavimenti in laminato in cucina

La cucina è senza dubbio il luogo più visitato dell’appartamento. Un alto grado di sporcizia, elevata umidità e possibili influenze meccaniche da oggetti appuntiti e pesanti impongono maggiori requisiti alla qualità del rivestimento del pavimento.

8foto

Non molto tempo fa, il linoleum era l’unica opzione accettabile per la pavimentazione. Tuttavia, i progressi non si fermano e ora molte persone utilizzano materiali come piastrelle di ceramica e laminato per rivestire il pavimento della cucina. Queste due varietà saranno discusse..

Quale preferire: piastrelle o laminato

Per non essere confusi con la scelta del pavimento per la cucina, è necessario tenere conto delle peculiarità di ciascuno di essi. Quindi, se scegli le piastrelle per pavimento, ricorda che:

  • Uno dei suoi vantaggi è l’elevata resistenza all’usura e resistenza..
  • Con una corretta installazione, si forma un rivestimento impermeabile, che non consentirà al rubinetto che perde di rovinare le riparazioni ai vicini sottostanti..
  • La piastrella è molto facile da pulire dallo sporco e non li assorbe.
  • Grazie a un vasto assortimento di dimensioni e colori, puoi disporre qualsiasi ornamento sul pavimento della cucina che si adatti ai tuoi gusti e allo stile generale della stanza..
  • I suoi svantaggi sono: superficie fredda, spesso piuttosto scivolosa; mancanza di isolamento acustico; se posate in modo errato, le piastrelle possono rompersi se cadono su di esse.

Se la tua scelta è un laminato, considera le seguenti sfumature:

  • Questo è un materiale molto resistente all’usura, ma è necessario scegliere un rivestimento con una classe di resistenza di 33 e superiore – sebbene un tale laminato sia più costoso, ma in una cucina durerà molto più a lungo delle opzioni economiche.
  • Puoi camminare a piedi nudi sul pavimento laminato: è piacevole al tatto e non freddo.
  • C’è un’enorme varietà di colori laminati sul mercato moderno, i cosiddetti colori “naturali” sono molto popolari: sotto forma di lastre di legno, pietra, mattoni, vetro, pelle, metallo, terra, ecc. Grazie a una selezione così ampia, il laminato si adatterà a qualsiasi interno, dal classico all’high-tech.
  • Tra gli svantaggi del laminato, si può notare quanto segue: anche il laminato di altissima qualità si deteriora a causa dell’esposizione prolungata all’acqua (più di 6 ore).
  • Per rimuovere la contaminazione, in alcuni casi è necessario smontare gli elementi..

Opzione combinata

La soluzione più efficace e pratica quando si sceglie un rivestimento per pavimenti per una cucina sarà una combinazione di laminato e piastrelle. Con l’aiuto di questa combinazione, puoi mostrare la suddivisione in zone visiva dello spazio della cucina: lo spazio di lavoro è solitamente disposto con piastrelle e la zona pranzo con laminato, oltre a facilitare la manutenzione del rivestimento del pavimento.

Metodi per unire laminato e piastrelle

Senza un dado. Ci sono diversi modi per farlo:

  1. con giunto di dilatazione in sughero. Una striscia di sughero è incollata alla giunzione dei rivestimenti. Il laminato lungo il bordo deve essere trattato con un agente di protezione dall’umidità;
  2. usando una fuga (malta per giunti) o stucco. La giuntura tra i rivestimenti viene posata con uno strato leggermente più grande di mastice o malta, si consiglia di coprirla con una vernice protettiva sulla parte superiore;
  3. utilizzando un tappo di sughero liquido. Il sughero liquido è una miscela di trucioli di sughero e colla. È molto resistente alle temperature estreme e ai danni meccanici, quindi questo metodo di unione dei rivestimenti per pavimenti è molto affidabile. Come nella versione precedente, è posato tra la cucitura.

Giunto nascosto sotto il davanzale. Questo metodo di aggancio è più semplice. Esistono diversi tipi di davanzali:

  1. dado dritto. Viene utilizzato quando il laminato e le piastrelle sono alla stessa altezza;
  2. dado d’angolo. È necessario quando si uniscono materiali con una differenza di altezza di 5 mm, per una transizione più fluida;
  3. dado piegato. Con il suo aiuto, i rivestimenti sono collegati lungo una linea curva..

Vantaggi e svantaggi

Secondo le statistiche, il pavimento della cucina più popolare è il linoleum, seguito da pavimenti in laminato e piastrelle al terzo posto. Conduciamo un’analisi comparativa di tutti e tre i rivestimenti, consideriamo tutti i loro pro e contro, quindi trarremo conclusioni su ciò che è ancora meglio per coprire il pavimento in cucina.

Quindi, prima parliamo di linoleum. Cosa sappiamo di lui? Il linoleum è una tela realizzata in cloruro di polivinile. Esistono tre tipi di linoleum:

  1. domestico. Di norma, viene utilizzato solo in locali residenziali, è piuttosto fragile, instabile per carichi pesanti e danni meccanici. Allo stesso tempo, è più economico di altri tipi, ha una varietà di colori, il che lo rende molto popolare nel mercato dei pavimenti;
  2. semi-commerciale. Un tipo di linoleum più durevole e, di conseguenza, più resistente all’usura. Viene utilizzato non solo in ambito residenziale ma anche in uffici. È anche molto vario nei colori e nelle trame;
  3. commerciale. Il più resistente di tutti. Viene posato in locali industriali, in luoghi pubblici con un grande flusso di persone..

Il linoleum ha una serie di innegabili vantaggi:

  • Una varietà di colori e trame ti permetterà di scegliere un colore per qualsiasi interno;
  • Il linoleum può essere posato da solo;
  • Questo tipo di rivestimento ha una conduttività termica molto bassa, quindi il pavimento sarà sempre caldo;
  • Essendo un materiale sintetico, il linoleum non è soggetto a decomposizione;
  • Insonorizzato;
  • Alcuni tipi di linoleum sono antiscivolo, è sicuro muoversi su di essi anche dopo la pulizia a umido;
  • A proposito, sulla pulizia: può essere fatto abbastanza spesso, il linoleum si lava facilmente e non ha paura dell’acqua;
  • Lunga durata – fino a 50 anni.

Tuttavia, presenta anche degli svantaggi:

  • Alcuni tipi di linoleum non hanno un margine di sicurezza sufficiente: ad esempio, quando si spostano mobili pesanti, è possibile lasciare facilmente graffi e ammaccature sul rivestimento;
  • La qualità del linoleum dipende direttamente dal suo prezzo: le varietà economiche sono soggette a deformazioni durante le variazioni di temperatura e allo sbiadimento a causa dell’esposizione alla luce solare;
  • Può gonfiarsi dopo un’esposizione prolungata a grandi quantità di acqua (ad esempio, quando una stanza è allagata).

Il secondo nella nostra lista di popolarità è il pavimento in laminato. È noto per contenere sia materiali sintetici che naturali. Uno strato protettivo viene applicato sopra le piastrelle in laminato. A seconda della resistenza del rivestimento, si distinguono i seguenti tipi di laminato:

  • laminato con classe di resistenza 21-23. Si trova in zone residenziali a basso traffico;
  • laminato con classe di resistenza 31-33. E’ possibile la posa in uffici, locali industriali e locali pubblici;
  • laminato con funzione idrorepellente. È posto in luoghi con alti livelli di umidità..

Vantaggi del pavimento in laminato:

  • Vasta scelta di colori, compresi materiali naturali: legno, pietra, ecc.;
  • I pannelli in laminato hanno elementi di fissaggio, quindi la loro installazione è abbastanza semplice e non richiede adesivi aggiuntivi;
  • Rivestimento caldo, piacevole al tatto.

Svantaggi:

  • La durata di un laminato che non ha un rivestimento resistente all’umidità non sarà superiore a 5 anni;
  • Non gli piace la frequente pulizia a umido, l’umidità e lo sporco possono penetrare nelle scanalature tra i pannelli, il che porterà alla deformazione del rivestimento;
  • Quando ci si sposta sul rivestimento in laminato di mobili pesanti, possono verificarsi graffi, può anche essere danneggiato facendo cadere un oggetto appuntito;
  • Il pavimento in laminato non assorbe i suoni, quindi il movimento su di esso è piuttosto rumoroso.

Se confrontiamo linoleum e laminato in termini di costi, dipenderà interamente dalla qualità del materiale selezionato. Pertanto, sono su posizioni approssimativamente uguali..

E infine, siamo arrivati ​​al terzo contendente della lista: le piastrelle di ceramica. I seguenti tipi sono utilizzati per la pavimentazione:

  • piastrelle con imitazione di parquet o legno;
  • piastrelle di ceramica;
  • gres porcellanato;
  • piastrella;
  • piastrelle in vinile.

Cosa c’è di buono nella piastrella, i pro:

  • Questo è un materiale molto resistente, soggetto alle regole di installazione e funzionamento, un tale rivestimento del pavimento ti servirà per molti anni;
  • Colori molto vari e interessanti, il pavimento piastrellato sembra costoso e moderno;
  • Resistenza all’umidità e al calore;
  • Il rivestimento delle piastrelle può essere lavato tutte le volte che vuoi con qualsiasi detersivo.

Argomenti contro”:

  • La piastrella è un materiale molto freddo e sarà scomodo camminare su una superficie del genere a piedi nudi. Sebbene questo svantaggio possa essere risolto installando un sistema a “pavimento caldo”;
  • Costo molto più alto del linoleum e del laminato;
  • Posare le piastrelle da soli è piuttosto difficile, inoltre, i minimi difetti nella sua posa possono causare la sua deformazione o danneggiamento prematuro. È meglio invitare uno specialista;
  • La copertura delle piastrelle è spesso piuttosto scivolosa, quindi c’è un alto rischio di cadere e ferirsi.

Da tutte le caratteristiche discusse sopra, si può vedere che nessuno dei rivestimenti è ideale di per sé. Ma la loro combinazione e posizione nell’area appropriata della copertura più adatta può avvicinare il tuo pavimento all’ideale..

Le recensioni dei consumatori suggeriscono anche che, attraverso tentativi ed errori, la maggior parte di loro alla fine ha scelto l’opzione combinata per la cucina: laminato + piastrelle. Quando si posano le piastrelle nell’area delle superfici di lavoro, non si può aver paura dell’esposizione a grandi quantità d’acqua e il laminato posato nella zona pranzo darà alla stanza intimità e comfort per le gambe.

Come fare

Quindi, dopo aver valutato tutti i pro ei contro, hai deciso di combinare piastrelle e laminato in cucina. Parliamo delle caratteristiche dell’installazione di un tale rivestimento:

  • È importante combinare piastrelle e piastrelle in laminato nel colore e nella trama. Dovrebbero anche essere in armonia con il design della stanza nel suo insieme;
  • Questi materiali hanno inizialmente spessori diversi. Pertanto, è necessario trovare una soluzione in cui la loro articolazione non appaia “goffa” e sia sorprendente;
  • Per le stanze di piccole dimensioni, scegli materiali solidi.

Una suddivisione in zone molto interessante con piastrelle e laminato può essere eseguita in una stanza con una vasta area, ad esempio in un monolocale o quando si combinano una cucina e una sala da pranzo. Se hai a disposizione un’area di 33-34 metri quadrati, puoi dividerla in più zone visive utilizzando un’interessante combinazione di materiali; è addirittura possibile combinare tre materiali: linoleum, laminato e piastrelle. In ogni caso, prendi in considerazione tutte le caratteristiche dei materiali selezionati, pensa a tutti i dettagli: dov’è il miglior rivestimento da mettere, come scegliere i colori e le trame giuste. Con il giusto approccio, avrai successo e il tuo pavimento ti servirà per molti anni..